Il supervisore ABA, analista del comportamento o consulente ABA? – Facciamo chiarezza.

Quali sono le caratteristiche di un buon Analista del comportamento? E quali sono le sue mansioni?

La ricerca di un buon Analista del comportamento è un momento chiave nella creazione di un percorso di terapia ABA per il proprio bambino. Prima però di definire questa figura e quali sono le qualità di un buon Analista del Comportamento definiamo che la dicitura corretta per la figura è quella che stiamo usando anche in questo articolo cioè ANALISTA DEL COMPORTAMENTO.

Molto spesso infatti si sente parlare di Supervisore ABA o di Consulente ABA ma queste due diciture sono una cosa tutta italiana e non hanno molto significato. Infatti è vero che l’Analista del Comportamento supervisiona tutto il progetto d’intervento ma questa non è l’unica sua funzione e non può dunque essere considerato solamente un Supervisore ABA. La stessa cosa vale anche per la dicitura Consulente ABA. Infatti l’Analista del comportamento è sì un consulente perché avendo accertata qualifica in una materia ( Analisi del comportamento), consiglia e assiste il proprio committente nello svolgimento di pratiche o attività connesse a questo ambito ma non si ferma solo a questo.

Che cosa fa dunque l’Analista del comportamento?

L’Analista del comportamento è il principale responsabile dell’intervento, progettandolo, supervisionandolo e monitorando i risultati per arrivare a creare un intervento efficace. Nello specifico, dopo un periodo di osservazione redige un progetto di intervento che verrà messo in atto dal terapista ABA ( meglio Tecnico del comportamento RBT) giorno dopo giorno. Tra le funzioni dell’Analista del comportamento c’è anche quella di supervisionare l’equipe di intervento.

 

Le caratteristiche fondamentali per l’ANALISTA DEL COMPORTAMENTO sono 5 :

 

-Svolge interventi basati sui dati

e non si sofferma su considerazioni che non abbiano un’evidenza. L’Analisi comportamentale è una scienza e come tale si basa solamente su evidenze empiriche, infatti l’analista del comportamento non può dare giudizi personali se questi non sono sostenuti da evidenze.

 

Crea un intervento individualizzato e personalizzato

per il caso specifico che prenderà in carico. Due casi non son mai uguali in ogni aspetto dunque due programmi non saranno mai uguali poiché il programma d’intervento ABA è creato ad hoc sulle necessità del bambino. Se vuoi approfondire questo argomento leggi anche questo articolo (L’intervento ABA – Come riconoscere un buon percorso di Terapia ABA).

 

-Ascolta la famiglia

La presa in carico non è mai riferita solamente all’individuo in quanto quest’ultimo è inserito in un contesto dove vi sono presenti altre persone. Il buon Analista del comportamento tiene in considerazione anche le variabili ambientali e contestuali. Infatti nella nostra realtà la famiglia riceve una formazione gratuita per poter valutare l’intervento e poter applicare le procedure in autonomia. Dai un occhiata ai nostri servizi ABA.

 

-Accoglie le necessità del bambino

Il riferimento principale della terapia è il bambino, questo infatti deve essere al centro dell’intervento che l’Analista comportamentale redige.

 

-Supervisiona e mantiene coeso il team d’intervento con i terapisti ABA o i tecnici del comportamento RBT o gli assistenti BCaCB.

Come detto precedentemente, questa è una funzione chiave dell’Analista del comportamento poiché anche da questo dipenderà la buona riuscita dell’intervento ABA. Se ti interessa scoprire di più sulla figura del tecnico del comportamento RBT dai un occhiata a questo articolo (Terapista ABA, Educatore ABA o Tecnico del Comportamento?-Facciamo Chiarezza).

 

Se stai cercando un Analista del comportamento (BCBA) con le caratteristiche elencate sopra, un terapista ABA o un assistente analista del comportamento BCaBA, compila il modulo sottostante.
Ti ricontatteremo nelle prossime 12 ore !




Aggiungi un commento