Perché prendere dati nell’intervento ABA?

Tra le caratteristiche dell'intervento ABA è presente il monitoraggio dell'andamento dei programmi e del raggiungimento degli obiettivi tramite la compilazione di prese dati e l'utilizzo di strumenti di misurazione.

Perché è previsto questo tipo di osservazione durante la terapia?

Come i terapisti e i genitori che assistono alle sessioni di terapia sanno, durante le ore dedicate all’intervento ci si occupa di costruire e mantenere la relazione con il bambino e di proporre programmi e procedure al fine di insegnare nuove abilità e consolidare quelle presenti, ma anche di prendere dati relativi al lavoro svolto. Ci sono infatti prese dati specifiche per ogni programma presente nell’intervento, che possono essere per esempio prove a freddo (in cui si valuta se la prima prova del giorno per un determinato obiettivo sia stata eseguita dal bambino in modo corretto e indipendente o meno) o trial by trial (in cui si prende nota delle prime dieci prove per un programma in una sessione).

Esistono molte altre prese dati, tra cui quelle che permettono di capire la frequenza e la durata dei comportamenti, come la scheda per il monitoraggio dei comportamenti problema, che aiuta a comprendere l’andamento del comportamento al fine di poter intervenire nel modo più adeguato. Il terapista si può servire di strumenti per compilare correttamente le prese dati e monitorare quindi in modo preciso i comportamenti. Strumenti come il counter, utilizzato nel training mand, dove è importante tenere nota delle richieste (sia quelle spontanee che quelle promptate) effettuate dal bambino, oppure il cronometro, utile per misurare la durata di un comportamento come per esempio la durata di un comportamento problema o per quanto tempo il bambino rimane seduto. Il timer invece, viene molto spesso utilizzato per scandire il passaggio da un’attività a un’altra o per la riconsegna del rinforzatore.
Per diventare un tecnico del comportamento ed imparare anche ad utilizzare tutti questi strumenti è richiesto un percorso che porta alla certificazione delle abilità apprese, puoi impararne di più leggendo questo articolo (Terapista ABA, Educatore ABA o Tecnico del Comportamento?-Facciamo Chiarezza).

I dati ci permettono di valutare se gli obiettivi sono stati raggiunti e quindi se le abilità target sono state acquisite e per monitorare in generale l’andamento dell’intervento. Ciò ci fa capire se quanto messo in atto si stia rivelando efficace o se sia necessario apportare modifiche, sia a livello di strategie e modalità nel presentare al bambino l’attività da eseguire, sia per l’eventuale cambiamento di obiettivi precedentemente stabiliti.

Non è sufficiente “interpretare” l’andamento dell’intervento e basarsi su impressioni rispetto alla modifica di comportamenti o all’acquisizione di abilità. L’analisi del comportamento applicata infatti è evidence based, basata sulle evidenze, quindi si rifà esclusivamente a studi di tipo quantitativo, cioè basata su dati che ne dimostrano l’efficacia, ciò avviene anche all’interno dell’intervento si utilizza lo stesso principio. Inoltre questo garantisce un’altra caratteristica dell‘intervento ABA: il fatto che sia individualizzato. L’osservazione e il monitoraggio danno modo di capire se si sta procedendo nella direzione giusta o se è necessario rivedere obiettivi e strategie, rendendo così l’intervento dinamico e basato sui reali bisogni del bambino e della famiglia.

Se sei interessato a scoprire di più sul percorso di terapia ABA puoi dare un occhiata a questo articolo (L’intervento ABA – Come riconoscere un buon percorso di Terapia ABA).

Vuoi iniziare un percorso di terapia ABA per un tuo caro oppure vuoi formarti nell’ABA?
Scrivi la tua e-mail qui sotto, ti contatteremo il prima possibile.




Aggiungi un commento